Attualità e Politica

Primo maggio di lotta contro il lavoro salariato

PRIMO MAGGIO DI LOTTA CONTRO IL LAVORO SALARIATO!

Il primo maggio non è una festa del lavoro e dei lavoratori, ma un giorno di lotta dove tutti gli sfruttati del mondo contro la bestialità del lavoro combattono i padroni e lo sfruttamento. Milioni e milioni di uomini e donne ogni giorno combattono in ogni luogo per portare a casa un salario che gli consenta di sopravvivere. Questa è la condizione umana a cui il capitalismo ha inchiodato l’umanità, costretta a vendersi ogni giorno per sopravvivere. Era vero agli inizi dell’800, ed è ancora più vero oggi, la globalizzazione capitalistica ha travolto ogni argine, travolto i diritti e le nostre vite. Il primo maggio serve agli sfruttati e alle sfruttate per organizzarsi, per continuare a combattere, per costruire nuove forme di resistenza e per dimostrare che la storia non è finita, perché il capitalismo non è la fine della storia: si ripete nelle miniere e nelle acciaierie della periferia del mondo.

Un solo grido: RESISTENZA E LOTTA!