Ieri a Parigi migliaia di donne e uomini hanno mandato un messaggio chiaro a Macron e a tutta l’establishment.

Il 1 Maggio non è un giorno di festa o per programmare un pic-nic fuori porta.

Il 1 Maggio è un giorno di lotta internazionale contro padroni, sfruttatori e imperialisti.

Ieri a Parigi, come Istanbul e altre località si è espressa la rabbia degli sfruttati contro un sistema di sfruttamento: la storia non si è conclusa.

La lotta di classe è ancora il motore della storia.

Ieri era solo l’inizio:

Ce n’est qu’un debut continuons le combat”